Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e raccogliere dati sull'utilizzo del sito.

Una selezione dei migliori set

Con una line-up da fare impallidire qualsiasi promoter nostrano, Il Glastonbury festival è finito da qualche giorno.

Grazie alla cortesia di anonimi filmakers (BBC), anche noi poveri precari possiamo godere di alcuni momenti e siccome siamo gente che ama condividere, vi linkiamo alcuni live set. (l'ordine però sarà casuale).

PS: abbiamo dovuto reinserire tutti i video perchè i full set sono stati tutti cancellati dalla rete. Ora si si trova solo qualche estratto.

I Pixies, Where is my mind è stato il brano di chiusura della loro performance.

 

Jack White, che entra sul palco con una bottiglia di prosecco. Durante lo show è stato contestato per aver suonato il riff di "Enter Sandman", omagiando la presenza dei Metallica al festival. Pubblico e stampa avevano criticato la scelta dei promoter di ospitare la storica band metal, che più volte si è espressa a favore dell'uso delle armi, perché in netto contrasto con lo spirito del festival. Pollice in su per batterista e tastierista.

 

Kasabian. Belle e brave le scheletriche coriste.

 

Arcade Fire. I canadesi erano le guest star al Glastonbury 2014, ed effettivamente hanno rispettato le attese.

 

Kaiser Chiefs

 

Interpol

 

Robert Plant. Apre il live con Babe, I'm Gonna Leave You, una scrosciante pioggia si abbatte sul pubblico esultante. Commozione. Indubbiamente Roberto Pianta si mantiene in forma.

 

Lana del Rey. Ci vantiamo di avervi parlato di lei circa due anni fa, e a parte il paragone con la Winehouse, ci avevamo quasi preso. Suona tutte le sue hit più famose e tiene un livello abbastanza alto. Nota a margine: una bottarella.

 

Paolo Nutini, lo scioglitore di femmine per eccellenza. 

 

Black Keys, li amiamo anche se il loro ultimo singolo fa pena.

 

Mogwai, solo 6 minuti purtroppo

 

Metallica

 

Ultima, fatto apposta, Yoko Ono Plastic Ono Band. Sei minuti strazianti, se la odiate guardate il video per ricordarvi bene il perchè. Crediamo che i suoi turnisti vengano pagati molto bene, ma la vera domanda è: cosa diavolo se ne fa del leggio? DON'T WORRY DON'T WORRY DON'T WORRY!

Ci teniamo a ricordarvi che l'edizione 2012 del festival non si tenne perché il terreno doveva essere tenuto "a maggese".

Partner tecnici

Prendi il largo

Associazione culturale Prendi il largo

Casarano (LE), Via Cisternella n.18, Cap:73042

Mail: staff[at]prendiillargo.it

Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction