Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e raccogliere dati sull'utilizzo del sito.

Intervista e pubblicazione del nuovo brano

Di B. Carrozza a Il Terzo Istante

Prima classica domanda di rito: com’è nata l’idea alla base de “Il Terzo Istante”?

Ciao, prima di tutto grazie per l’opportunità che ci state dando.Venendo alla domanda, il progetto è nato in modo molto spontaneo, senza particolari idee alla base, se non quella di mettere in piedi un gruppo con il quale realizzare pienamente tutto ciò che non eravamo riusciti a fare nelle nostre precedenti esperienze.  Diciamo che l’inizio ha sorpreso anche noi, tutto ci è venuto in maniera molto istintiva e naturale.

Ci spiegate il significato dietro al nome della band?

Il nome della band ha a che fare con le fasi del processo creativo, che la dottrina divide in momenti (dunque “istanti”..) progressivi e sequenziali. Il primo momento è quello della raccolta delle informazioni, il secondo è quello dell’elaborazione, mentre il terzo istante è quello dell’esplosione della febbre creativa, l’attimo in cui tutto diventa chiaro e ciò che è stato elaborato nelle precedenti fasi prende corpo. Il nostro nome è un omaggio a quel preciso momento, che rappresenta l’essenza di tutto ciò che amiamo della musica e che identifica bene la situazione in cui ci trovavamo al momento della scelta del nome del gruppo.

Le vostre precedenti esperienze con Fatty Chaos e The Scrabble, che conosco bene tra live torinesi e splendidi EP, cosa vi hanno insegnato?

Tantissimo, quasi tutto. Sono state esperienze bellissime e formative che ci hanno portato a collaborare con persone e suonare con musicisti che ci hanno insegnato tanto.

Ci raccontate lo sviluppo del video di “Non Sai”?

L’idea era quella di fare un video di presentazione del progetto, molto semplice e “suonato”. Volevamo realizzare una clip che non distraesse dal brano e mostrasse semplicemente chi siamo e cosa facciamo. Il risultato finale ci è piaciuto molto e gran parte del merito va a chi si è occupato della realizzazione, due videomakers torinesi che collaborano sotto il nome di Ascandre Microproduction.

Avete trovato difficoltà nella costruzione dell’architettura delle canzoni e nell’ interazione tra gli strumenti senza l’ausilio del basso?

Per ora l’assenza del basso non ci ha influenzato molto dal punto di vista della costruzione dei brani, nonostante i nostri pezzi siano anche ricchi di spunti ritmici. Un discorso diverso, invece, riguarda l’arrangiamento: compensare la mancanza del basso da un lato costringe ognuno di noi a sacrificare, in certi frangenti, il proprio strumento, dall’altro ci “apre la mente”, nel senso che ci obbliga a trovare soluzioni sempre nuove, inusuali e funzionali al brano, piuttosto che accontentarci di fare le scelte più immediate e convenzionali. Per certi versi è più faticoso, ma è sicuramente una cosa stimolante.

Qual'e' la situazione dei locali e dei live a Torino ed in generale in Italia per una band emergente e nuova come la vostra?

Diciamo che confrontandoci nel corso di questi anni con band che provengono più o meno da tutta Italia, ci siamo resi conto che la situazione a Torino è sicuramente più favorevole rispetto ad altre città del nostro paese. Almeno sotto l’aspetto della possibilità di suonare, qui non ci si può lamentare. Quello che manca ovunque in Italia è sicuramente il riconoscimento del ruolo del musicista: non solo da un punto di vista economico ma anche da quello del rispetto per la categoria e per l’attività che svolge. Ovviamente ci sono delle eccezioni anche qui, ma in linea di massima la considerazione della professione del musicista in altri paesi europei corrisponde a quella che viene data a qualsiasi altra professione, cosa che non avviene in Italia.

Per Lorenzo (voce e tastiera, ndr): ti senti più a tuo agio a scrivere i testi in italiano o in inglese come in passato con i The Scrabble?

Sicuramente scrivere in inglese è più semplice: ovviamente si deve avere un “minimo” di padronanza, però è una lingua che si presta ad adattamenti di vario tipo, che riguardano sia gli aspetti metrici, che quelli fonetici. L’italiano è di per sé una lingua più difficile, dal punto di vista sintattico e grammaticale, ma la vera differenza secondo me sta nel fatto che in Italia abbiamo una cultura lirica molto più profonda: in altre parole l’ascoltatore inglese vive il testo quasi esclusivamente in funzione della musica, non è così esigente in questo senso. In italia è diverso: siamo più sensibili a questo aspetto ed è dunque più difficile scrivere qualcosa di realmente interessante in maniera che non risulti banale o cacofonico. Comunque, per concludere, scrivere in italiano mi dà molta più soddisfazione.

Per Fabio (chitarra, ndr) : il suono attuale è molto diverso da quello a cui ci avevi abituato con i Fatty Chaos, hai deciso di ripartire da zero o in qualche modo l’esperienza maturata ha cambiato, se è cambiato, anche il tuo modo di suonare?

E' sempre difficile cambiare il proprio sound chitarristico, ancor di più se questo è maturato dopo anni di composizione in una band tanto diversa da Il Terzo Istante. Ho mantenuto uno stile più morbido e per certi versi più lineare rispetto al passato cercando di inserire elementi a me nuovi, con l'aiuto di effetti a pedale in più, quali ad esempio delay e octaver. Invece per quanto riguarda gli arrangiamenti ho sentito l'esigenza di staccarmi da soluzioni di esclusivo impatto sonoro, a favore di riff più ritmici e “rimbalzanti”. In questo momento infatti, la mia priorità rimane quella di essere al servizio della canzone per far risaltare il più possibile le parti vocali e il mood in sé del pezzo.

Per Carlo (batteria,ndr): se non ricordo male provieni da ambienti ben più metallari, è un esigenza recente o hai sempre convissuto con quest’anima quantomeno più “compassata”?

Ho  sempre suonato metal e lo suono tuttora nei Taste Revenge. Se uno è stato metallaro non gli passa più la voglia di distorsione e potenza sonora, ma questa è apportabile ad ogni genere. Tuttavia quello che fa la differenza, è trasmettere al pubblico, qualunque sia il genere che suoni! A volte mi da più carica un duo blues rispetto ad un quintetto metal… ci sarà un motivo? L’esigenza di avere due progetti totalmente diversi è nata nel 2007, anno in cui per la prima volta mi ci sono ritrovato e ho scoperto di non poterne più fare a meno: i miei ascolti sono molto più vari rispetto a dieci anni fa e quindi mi piace anche sperimentare in altri generi, pur mantenendo l’anima un po’ più dura legata alle mie origini.

Ultima classica domanda di rito: progetti per il futuro?

A breve torneremo a registrare, sempre presso l’AYR STUDIO di Moncalieri (TO) e sempre in semi presa diretta, come già fatto per “Non sai” e “Come ti senti?”. Abbiamo intenzione di produrre altri 2 brani per completare un ep di 4 pezzi che faremo uscire presumibilmente prima dell’estate. Poi probabilmente realizzeremo altri video, da diffondere sul web a supporto dell’attività live, che intensificheremo nei prossimi mesi.

Ci parlate del nuovo brano in uscita?

“Come ti senti?” è stato il primo pezzo che abbiamo composto, durante la nostra prima sessione di prove. Nelle intenzioni iniziali avrebbe dovuto essere il brano di lancio del progetto, poi, a due settimane dalle riprese del video, abbiamo cambiato idea preferendo realizzare la clip su “Non sai”. E’ un brano che racconta la condizione di tutti quelli che si trovano a subire scelte insensate, scellerate e soprattutto imposte dall’alto. “Come ti senti?” è la domanda retorica che poniamo a quella minoranza di persone che stanno distruggendo il nostro mondo e il nostro futuro.

Grazie di averci concesso l'intervista

Grazie a voi e a presto!

 

CLICCA QUI PER ASCOLTARE IL NUOVO BRANO "COME TI SENTI?"

 

 

Partner tecnici

Prendi il largo

Associazione culturale Prendi il largo

Casarano (LE), Via Cisternella n.18, Cap:73042

Mail: staff[at]prendiillargo.it

Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction