Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e raccogliere dati sull'utilizzo del sito.

Tra illustrazioni e precarietà

Iniziamo con le presentazioni per chi non vi conoscesse.

C: Lui è Stefano, ha 25 anni. Abita in un paesello vicino Torino. Ossessionato dagli animali e dagli insetti. Disegna bestie da far invidia a Madre Natura. Il suo unico modo di possederli è disegnarli.

S: Lei è Chiara, ha 24 anni. Vive circondata da tessuti, tavoletta grafica, ago, filo, acrilici, alberi e un coniglio di nome Cotone. Anche senza parole le sue illustrazioni sono cariche di poesia pronte a trasportarti in dolci sogni.

Prima vera domanda: da dove prendete ispirazione per le vostre illustrazioni? Come nascono nella vostra mente?

C: Banalmente, da quello che mi circonda, da quello che c’è fuori dalla mia finestra, dalle persone che incontro, da quello che mi capita o che vorrei che capitasse.

S: Dalle immagini e situazioni che segnano alcune delle mie giornate.

Fare di questo un lavoro è sicuramente molto difficile, quali sono le problematiche che incontrate più spesso?

C: Fino a quando non hai un nome e ti commissionano un’illustrazione per nonsoqualemarcadidetersivi alla fine tu sei semplicemente uno che esegue ordini, è difficile trovare qualcuno che ti dia carta bianca nonostante sia stato lui a contattarti dopo aver visto i tuoi lavori. Un altro problema è il valore del tuo lavoro, molti non lo capiscono e soprattutto non sono disposti a pagarti…sei un’artista emergente? Beh, allora qualche pacca sulla spalla e promesse di visibilità…quindi scordiamoci all’inizio di vivere solo di illustrazione. Ma se ci credi lo fai, perseveri, disegni, ti proponi, fai, disfi e tutto sommato sei felice anche così.

S: Riuscire a far accettare il tuo mondo immaginario al pubblico che ti sta attorno.

Parlateci della collaborazione con Stereotellers per Naked Soul.

C: Con Luigi, cantate degli Stereotellers, siamo amici e colleghi da un paio d’anni. Una sera mi chiama: “Ciao Chica, vorrei che tu e Gioda faceste il nuovo video degli Stereotellers” “Sarebbe figo ma non credo che noi lo sappiamo fare.” “Si che lo sapete fare.” E qualche giorno dopo abbiamo iniziato.

Come si lavora in coppia, c’è una divisione di compiti o si sviluppa tutto assieme?

C: In realtà la suddivisione dei compiti per noi è una cosa che avviene abbastanza naturalmente a secondo del lavoro e delle nostre capacità ma nessuno si chiude mai nel suo “ruolo” se no non sarebbe divertente…

Ultima classica domanda di rito: progetti per il futuro?

C: Abbiamo una lista lunghissima di cose da fare o che vorremmo fare. Abbiamo un libro in uscita e stiamo lavorando, con altri ragazzi, alla versione digitale. Un altro video musicale per una nostra amica americana. Qualche muro da disegnare. E poi sì, io voglio trasferirmi in Svezia.

S: Prima di tutto un sito personale come si deve per poi cercare di riuscire a vivere con la propria passione. Mi piacerebbe abbandonare questo stressante mondo tecnologico per allevare mosche giganti che un giorno, speriamo, invaderanno la terra.

IL VIDEO:

{youtubejw}ghnNUXDMnAM{/youtubejw}

Partner tecnici

Prendi il largo

Associazione culturale Prendi il largo

Casarano (LE), Via Cisternella n.18, Cap:73042

Mail: staff[at]prendiillargo.it

Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction