Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e raccogliere dati sull'utilizzo del sito.

Dal 1970 un disco d'oro cerca ascoltatori nello spazio

(Foto NASA)

Il 20 agosto del 1977 la Nasa fece partire un programma scientifico che prevedeva il lancio in orbita di due sonde, Voyager 1 e Voyager 2, con l’obiettivo di esplorare la zona periferica del nostro sistema solare (Giove, Saturno, Urano e Nettuno) e lo spazio aperto oltre il sistema. A bordo delle due sonde, oltre all'apparecchiatura tecnica, furono messi due dischi d'oro per grammofono all'interno del quale erano presenti dei messaggi audio (e non solo) rivolti a chiunque avesse trovato le sonde nello spazio aperto.

Non fu il primo esperimento del genere. Anni prima con il lancio del programma Pioneer, che aveva obiettivi simili al programma Voyager, la Nasa mise nelle capsule una placca d’oro con il disegno di un uomo e di una donna nudi e informazioni sulla data e il luogo di partenza della sonda stessa (Pagina wikipedia).

I due dischi sono tutt'ora in viaggio e contengono diverso materiale: istruzioni per la lattura del disco, 115 immagini, suoni di natura e animali (uccelli, vento, balene), una selezione di 90 minuti di brani musicali di vario genere, una serie di saluti fatti in 55 lingue diverse e un messaggio vocale da parte dell'allora presidente degli stati uniti Jimmy Carter:

"Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni, della nostra scienza, delle nostre immagini, della nostra musica, dei nostri pensieri e sentimenti. Stiamo cercando di sopravvivere ai nostri tempi, così da poter vivere fino ai vostri”.

Il disco d'oro The sound of Heart (wikipedia)

 

Il contenuto del disco, a tratti curioso, fu deciso da una commissione della Cornell University e diviso in quattro grandi sezioni:

  • - Scenes from Earth: una lunga serie di foto e disegni. Disegni di anatomia emana e animale, strutture chimiche, forme geometriche, formule, foto satellitari.
  • - Greetings from Earth: saluti da tutte le parti del mondo.
  • - Music from Earth: una lunga e varia playlist musicale. Percussioni e canti popolari dalle zone più varie (Azerbaijan, India, Perù, Senegal, Zaire... ) , mariachi messicani, molta musica classica, Johnny B. Good.
  • - Sounds from Earth: una raccolta di suoni ambientali provenienti dalla natura, dalle città e dai mezzi di trasporto.

 

Entrambe le sonde Voyager continuano a funzionare e si stima rimangano in vita fino al 2025, fino a quando si esauriranno le batterie che alimentano i vari sistemi. Le capsule scariche non invieranno più messaggi alla base ma continueranno a viaggiare nello spazio aperto finché la loro struttura reggerà. Nel 2004 la sonda Voyager1 è arrivata a superare i confini del Sistema Solare. In totale le sonde impiegheranno 40.000 anni per raggiungere due stelle. Le probabilità di incontrare una forma di vita sono quasi nulle, e anche ammesso che ci sia vita questa dovrebbe essere intelligente ed essere capace di compiere viaggi interstellari per poter recuperare il disco.

Durante un'intervista Stephen Hawking dichiarò che non bisognava cercare forme di vita extra terrestre in quando terribilmente pericoloso per la nostra sopravvivenza. Per il cinquantesimo anniversario della Nasa dichiarò: "Se mai vi dovesse capitare di incontrare un alieno, state attenti: potreste essere contagiati da un virus contro il quale non possedete alcun anticorpo". La Nasa ha quindi deciso di mandare nello spazio il rock and roll di Johnny be good.

Per assurdo una tecnologia antica come l'incisione analogica permetterà al disco di resistere integro al passare degli anni, e del resto si sa che "il suono analogico è tutta un'altra cosa"! 

l computer a bordo delle sonde hanno una capacità di calcolo ridicola se paragonata a quella attuale. Hanno una memoria interna di 69.63 kilobytes. Un smartphone monta memorie da 16gb.

Con una distanza di 18.7 bilioni di chilometri la sonda Voyager1 è l'oggetto di natura umana più lontano dalla Terra.

Sul sito ufficiale del Voyager Golden Record è possibile leggere la lista completa del materiale contenuto sul disco ed è possibile vedere alcune delle immagini inserite.

Sul profilo SoundCloud della Nasa potete ascoltare tutti i suoni della natura che furono incisi e altro materiale audio presente sul disco. Tranne che per farci dei soldi, potete usare il loro materiale per quello che volete. 

 

Partner tecnici

Prendi il largo

Associazione culturale Prendi il largo

Casarano (LE), Via Cisternella n.18, Cap:73042

Mail: staff[at]prendiillargo.it

Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction